La storia di Sandra: il coraggio di fidarsi, oggi c’è speranza.

Foto di Daniel Reche da Pixabay

L’OIM riceve una telefonata da parte di Sandra, ragazza nigeriana appena maggiorenne che racconta di essere arrivata da qualche giorno in Italia e che dichiara di trovarsi in un centro di accoglienza del nord.
La giovane spiega di aver compreso l’informativa sulla tratta di esseri umani ascoltata il giorno del suo sbarco e ha il sospetto di essere stata ingannata dalle persone che l’hanno aiutata a raggiungere l’Europa. Riferisce all’OIM di aver comunicato, tuttavia, alla propria trafficante il nome del centro dove è ospitata ma allo stesso tempo di non volerla raggiungere. L’OIM invita la ragazza a restare nel centro e a recarsi alla polizia per denunciare la sua storia.

Dopo qualche giorno l’OIM riceve un’ulteriore chiamata da parte di Sandra che comunica di essere stata prelevata da un amico della madame e di trovarsi presso la casa di quest’ultimo. Riferisce inoltre di essere stata rassicurata telefonicamente dalla trafficante circa la sua volontà di offrirle un lavoro come inserviente o commessa. Sandra dice all’OIM di aver bisogno di lavorare e di non avere altra scelta se non quella di fidarsi della donna.

Trascorsi alcuni giorni, Sandra chiama ancora l’OIM ma questa volta in lacrime: la madame le ha rivelato che per onorare il suo debito di trentamila euro si deve prostituire. Al suo rifiuto, è stata rinchiusa in una stanza senza cibo.
La ragazza, sebbene sola, in un paese straniero di cui non parla la lingua, segregata in casa e intimorita dal voodoo, trova il coraggio di fidarsi ancora una volta quindi chiede aiuto e, tramite l’OIM, contatta la Squadra Mobile della città in cui si trova cercando di offrire informazioni utili relative al luogo in cui si potrebbe trovare. Le indagini svolte dalla Squadra Mobile portano alla liberazione di Sandra e all’arresto dei suoi aguzzini.

SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

Sandra si trova ad oggi in una casa protetta, sta frequentando un corso di pasticceria e spera che presto suo figlio di due anni possa raggiungerla.

Tratto da “LA TRATTA DI ESSERI UMANI ATTRAVERSO LA ROTTA DEL MEDITERRANEO CENTRALE: DATI, STORIE E INFORMAZIONI RACCOLTE DALL’ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE PER LE MIGRAZIONI” di OIM (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni).

Se vuoi aiutare una vittima di tratta o sfruttamento, non esitare a chiamare la polizia. SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE. GRAZIE

Dona ora per chi ha bisogno. Grazie!

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Supplica alla Madonna di Pompei (versione originale)

Cos’è il matrimonio forzato?