Situazione politica nigeriana: Stati del sud-est: Biafra

Nel 1997, l’International Crisis Group ha riportato che un profondo sentimento separatista dominava la zona sud-est della Nigeria, sentimento che perdura ancora oggi.

Le ultime elezioni politiche federali (28 marzo 2015) confermano le tensioni tra gli Stati del nord e quelli del sud-est. In questo clima, sono nati e si sono consolidati gruppi separatisti quali il MASSOB (fondato nel 1999) e l’IPOB (fondato nel 2012).

Attualmente, il MASSOB e l’IPOB dichiarano di seguire congiuntamente una politica non violenta, con l’obiettivo di indire un referendum sull’ indipendenza del Biafra.

Non è chiaro quali Stati sarebbero inclusi nel progetto separatista: alcuni sostengono che dovrebbero far parte del Biafra tutti i territori a popolazione prevalentemente Igbo, includendo quindi parte della regione del Delta del Niger e lo Stato Benue; altri, invece, ritengono che parte del Biafra siano solo i cinque Stati tradizionalmente Igbo (Enugu, Imo, Ebonyi, Abia e Anambra).

SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

Il governo federale ha risposto molto duramente alle spinte separatiste. Nel 2015, il presidente Buhari ha dichiarato che la Nigeria è indivisibile, e il capo di stato maggiore dell’esercito Tukur Buratai si è impegnato a “disintegrare” qualsiasi minaccia all’ unità nazionale. Si segnalano arresti arbitrari, esecuzioni extragiudiziali, aggressioni e minacce.

Tratto da: “Nigeria, Rapporto COI” ad opera del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Roma Tre

Dona ora per chi ha bisogno. Grazie!

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Caratteristiche sociodemografiche della comunità Pakistana in Italia (2022)

Quando la maternità surrogata finisce male non ci sono vincitori