Le persone che non sono profeti possono ricevere rivelazioni? (D.236) 

Foto di Aritha da Pixabay

Le persone che non sono profeti possono ricevere rivelazioni? Secondo la teologia cristiana i quattro vangeli sono stati scritti soltanto da persone che non erano profeti.

Risposta: La persona che fa questa domanda dovrebbe leggere attentamente il primo articolo.

L’insegnamento islamico distingue tra due tipi di profeti: esiste l’inviato da Dio per avvertire e ammonire, chiamato semplicemente profeta (nabi) e ci sono gli inviati (rasul) da Dio che hanno profetizzato rivelazioni, che vanno al di là del semplice avvertimento e ammonimento, che sono state poi scritte in libri. Il credente musulmano considera come vero vangelo (Injīl) il libro (perduto) che fu rivelato al profeta Īsā dall’arcangelo Gabriele. I suoi punti principali, il muslmano crede, sono in accordo con la rivelazione che Dio ha dato a tutti i veri profeti da Adamo in poi. Sulla base di questa fondamentale convinzione islamica, una questione si pone per i musulmani: come può un insegnamento come il cristianesimo essere vero se insegna che ci sono quattro vangeli e che ciascuno di questi vangeli ha un autore umano diverso?. Come possono persone, che non sono profeti nel senso in cui l’Islam usa la parola, ricevere rivelazioni autentiche e sotto forma di un libro?

Per spiegare questo, riassumeremo di nuovo brevemente la concezione cattolica della rivelazione e dell’ispirazione delle Sacre Scritture: “Con la loro capacità di ragionare, le persone sono in grado di riconoscere che Dio esiste, ma non ciò che questo Dio è veramente. Ma poiché Dio vuole essere riconosciuto, egli si è rivelato. Dio non aveva il dovere di rivelarsi a noi. Egli lo ha fatto per amore. Proprio come con l’amore umano, si può soltanto sapere qualcosa della persona amata, se essa apre il suo cuore, noi possiamo sapere qualcosa dei pensieri più intimi di Dio, soltanto perché l’eterno e misterioso Dio si apre a noi per amore. Fin dalla creazione ai Padri e ai profeti fino alla sua rivelazione finale nel suo Figlio, Gesù Cristo, Dio più e più volte ha parlato all’umanità. In Gesù, ha aperto il suo cuore e ha rivelato il suo essere più intimo a noi. Nell’Antico Testamento [cioè nelle Sacre Scritture del popolo ebraico, il popolo eletto], Dio si rivela come il Dio che ha creato il mondo per amore e che rimane fedele al suo popolo, anche se il suo popolo esso si allontana da lui nel peccato “(YOUCAT:. Jugendkatechismus Kirche der Katholischen . Aschaffenburg: Pattloch, 2011, n. 7-8)

SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

“Per secoli, Dio ha parlato al cuore della gente e si è rivelato a loro, passo dopo passo, insegnando loro continuamente. Tra tutti i popoli della terra, egli ha scelto un piccolo popolo, Israele, e lo ha formato al fine di concludere una Alleanza con esso. Attraverso questo piccolo popolo, tutti i popoli della terra dovrebbero imparare che esiste un Dio e che egli ha un piano per l’umanità. La narrazione dell’Alleanza divina con Israele si trova in quei libri dell’Antico Testamento, che costituiscono la prima parte della Bibbia. Dio ci ha preparato passo dopo passo per essere pronti ad accettare la sua rivelazione soprannaturale, che si conclude con la persona e l’invio del suo Figlio, la parola incarnata di Dio, Gesù Cristo” (Ich Glaube:. Kleiner Katholischer Katechismus, Königstein, 2004, p. 11)

Secondo il linguaggio biblico, la parola Alleanza si riferisce al “contratto che il Dio trascendente ha concluso con Noè, Abramo e poi con tutto il popolo sul monte Sinai. Per Israele, l’Alleanza è la promessa di Dio, del loro essere stati scelti: ‘Io sarò vostro Dio e voi sarete il mio popolo’. I ‘Dieci Comandamenti’ sono le condizioni contrattuali di questa Alleanza. In ricordo, Israele celebra l’Alleanza ogni anno. Poiché l’Alleanza è stato conclusa da un Dio affidabile, la gente può fare affidamento su di essa. Anche nella peggiore disperazione, le persone pie non perdono la speranza. Essi aspettano una nuova alleanza che Dio offrirà al suo popolo. Colui attraverso il quale Dio realizza questa speranza e rivela sé stesso è Gesù, il Messia, il Cristo.”(Ibid., p. 14)

“Nelle varie fasi della storia del primo popolo dell’Alleanza, Dio chiama “profeti” coloro che sono principalmente i suoi amici fidati. Poiché il popolo di Dio tende a dimenticare il loro Signore ed a non avere più fiducia in lui, Dio ha mandato i suoi profeti per ricordare loro il suo amore, la sua fedeltà e le sue richieste. Elia, Amos, Osea, Geremia, Ezechiele sono tra gli uomini delle cui gesta e insegnamenti la Bibbia ci racconta.” (Ibid p. 12ss)

Il messaggio centrale delle Sacre Scritture della “prima” Alleanza (chiamata anche: la Antica Alleanza) sarà anche il messaggio centrale del popolo della “seconda” Alleanza, detta anche la “nuova” Alleanza, dei cristiani e potenzialmente di tutti i popoli:

* Sapere che Dio è lì per il popolo, che egli li conosce e che li ama.

Immagine

SOSTIENICI CON IL 5 per MILLE: 97610280014

* Confidare in Lui.

* Sapere che Dio è lì per me, che mi conosce e che mi ama.

* Amare Dio con tutto il mio cuore, tutte le mie forze e le mie capacità.

* Ascoltare la sua parola, fare la sua volontà, dire sì al suo piano per me. “(Cfr ibid. p. 13)

Naturalmente, “solo in Gesù Cristo, suo Figlio, Dio mostra tutta la profondità del suo amore misericordioso. Attraverso Gesù Cristo, il Dio invisibile diventa visibile. Egli diventa un essere umano come noi. Questo ci mostra quanto si estenda l’amore di Dio: egli porta tutto il nostro carico. Egli percorre con noi tutti le nostre strade. Egli si trova nella nostra desolazione, nella nostra sofferenza, nella nostra paura della morte. Egli è dove noi non possiamo continuare, in modo da aprire la porta nella vita. Con Gesù Cristo, Dio stesso è venuto nel mondo. Egli è l’ultima parola di Dio. Ascoltando lui, tutte le persone possono conoscere in ogni momento chi è Dio e ciò che è necessario per la loro salvezza. Con il vangelo di Gesù Cristo, la rivelazione di Dio è completa. Perché noi possiamo capire, lo Spirito Santo ci guida più profondamente nella verità” […] (YOUCAT, n. 9-10); “I cristiani trovano la vera fede nella Sacra Scrittura e nella tradizione della Chiesa”. […] (YOUCAT, n. 12)

La comunità dei credenti non può errare nella sua fede, perché Gesù ha promesso ai suoi discepoli che avrebbe mandato loro lo Spirito di verità e che avrebbero ricevuto di verità (Gv 14,17).” (Ibid. n. 13)

“Ne consegue che i libri della Scrittura devono essere riconosciuti come insegnamento certo, fedele e senza errore della verità che Dio ha voluto fosse consegnata in scritture sacre per il bene della salvezza. Quindi “tutta la Scrittura è divinamente ispirata”. (Concilio Vaticano II, Dei Verbum 11). La Scrittura non è caduta dal cielo né Dio l’ha dettata a scribi umani. Piuttosto, “per la composizione dei libri sacri, Dio scelse e si servì di uomini nel possesso delle loro facoltà e capacità, affinché, agendo egli in essi e per loro mezzo, scrivessero come veri autori, tutte e soltanto quelle cose che Egli voleva fossero scritte.” (Concilio Vaticano II, Dei Verbum 11).”( ibid., n. 14).

Ma come può la Sacra Scrittura essere “Verità”, se non tutto ciò in essa contenuto è corretto? La Bibbia non è interessata ad insegnare precisione storica o conoscenza scientifica. Gli autori della Bibbia sono stati anche figli del proprio tempo. Essi hanno condiviso le idee culturali del loro ambiente e occasionalmente sono incorsi nell’errore. Ma tutto quello che la gente ha bisogno di sapere su Dio e la via della sua salvezza può essere trovato nella Sacra Scrittura con certezza infallibile. “(Ibid., n. 15)

“Nel Nuovo Testamento, la rivelazione di Dio è completa. I quattro Vangeli secondo Matteo, Marco, Luca e Giovanni sono il cuore della Bibbia e il tesoro più prezioso della chiesa. In essi, il Figlio di Dio si mostra nel suo modo di vivere ed di incontrare noi. Negli Atti degli Apostoli, abbiamo sentito parlare degli inizi della chiesa e delle azioni dello Spirito Santo. Le lettere degli apostoli pongono la vita di ognuno in tutta la sua complessità nella luce di Cristo. Nel mistero della Rivelazione, si predice la fine dei tempi. “(Ibid., n. 18)

Es freut mich, dass Sie die Texte unserer Webseite https://antwortenanmuslime.de auf www.amicidilazzaro veröffentlichen wollen und erlauben es gerne.
P. Christian W. Troll SJ (30/4/22)

Dona ora per chi ha bisogno. Grazie!

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Musulmani e cristiani di fronte a Bibbia e Vangelo

Perché il primo capitolo della Genesi non parla delle origini di Dio? (D.252)