Maternità surrogata all’estero: dovremmo consentire la delocalizzazione?

Foto di Marjon Besteman da Pixabay

Simone Hankinson

Nel 1896, il corpo di un bambino, avvolto in una borsa, fu ripescato dal Tamigi a Londra. Un’indagine ha portato all’impiccagione di Amelia Dyer, una “baby farmer” che aveva ucciso centinaia di bambini.

In epoca vittoriana, la maternità extra coniugale era vergognosa ed economicamente rovinosa per i poveri. È stata un’opportunità, tuttavia, per i “baby farmer”. Si trattava di mediatori che prendevano i bambini dalle donne povere e, nei casi migliori, li davano alle coppie più ricche. I broker hanno realizzato un profitto su entrambe le estremità. La trama di “HMS Pinafore” di Gilbert e Sullivan ruota attorno al passaggio alla nascita del capitano e di un marinaio da parte di un allevatore.

Nel nostro secolo, abbiamo una nuova forma di baby farming. Ed è molto più preoccupante della versione vittoriana. La “tecnologia di riproduzione assistita” transfrontaliera, o ART, consente ai genitori che vivono in un paese di pagare una madre surrogata in un altro paese per gestare un bambino utilizzando il loro sperma o ovulo. È l’outsourcing finale di … manodopera.

Il business è così squallido che è illegale (perfino ndr) in Cina. Ma questo non impedisce ai ricchi cinesi di andare all’estero e di usare madri surrogate straniere. Negli ultimi dieci anni, centinaia di persone all’anno hanno utilizzato madri surrogate negli Stati Uniti. L’intero processo può costare ben oltre $ 100.000.

In America, la maternità surrogata è regolata dalla legge statale, a volte in modo approssimativo. La California permette ai suoi residenti di affittare i loro uteri agli stranieri. Tutto può essere fatto da remoto. Sperma, uova o persino embrioni possono essere spediti ai laboratori negli Stati Uniti per l'”assemblaggio” e surrogate assunte per la gestazione. I genitori non devono viaggiare qui finché il bambino non è pronto per … il parto.

In California, è necessario un documento d’identità per adottare un animale domestico e “il centro di adozione ha il diritto di respingere chiunque non sia ritenuto idoneo all’adozione”. Tuttavia, senza alcun controllo dei precedenti, gli stranieri possono “produrre” un bambino nel piu’ democratico degli stati. (nella versione inglese il “bluest” elettoralmente parlando).

A causa della nostra legge sull’immigrazione e sulla nazionalità permissiva, i figli di cittadini stranieri nati da madri surrogate statunitensi sono cittadini americani alla nascita. Questi bambini godono del diritto alla scuola gratuita e ai programmi sanitari e assistenziali, anche se le autorità statunitensi potrebbero non avere registrazioni, tanto meno informazioni fiscali per i loro genitori legali. Come scrive Emma Waters in The American Mind, “né lo stato, né le agenzie federali, né i fornitori di servizi medici tengono traccia delle nascite surrogate” negli Stati Uniti

Le regole sulla trasmissione della cittadinanza americana sono cambiate nel tempo. Fino a poco tempo fa, richiedevano che almeno un genitore cittadino statunitense vivesse da tempo negli Stati Uniti. Nel 2021, sotto la pressione legale delle coppie dello stesso sesso che utilizzavano l’ART, il Dipartimento di Stato ha reinterpretato le regole sulla nazionalità. Ora, è sufficiente che uno dei genitori di un bambino nato all’estero abbia un legame “genetico o gestazionale” con un bambino affinché sia ​​cittadino americano.

Quindi, a febbraio, il Dipartimento di Stato ha annunciato modifiche corrispondenti al suo modulo di rapporto consolare di nascita all’estero. Ora, una madre cittadina americana può combinare lo sperma e l’ovulo di chiunque, in qualsiasi parte del mondo. E quando partorirà, in un paese straniero, il bambino risultante sarà un cittadino americano nonostante non abbia alcun legame genetico con nemmeno un cittadino statunitense.

In base alle regole attuali, un bambino nato in Cina da una madre cittadina cinese utilizzando un donatore di sperma anonimo (di qualsiasi paese) può ancora essere cittadino statunitense alla nascita, purché la madre sia sposata con un cittadino statunitense.

Oppure un singolo maschio americano potrebbe spedire il suo sperma congelato in un altro paese, farlo abbinare a un laboratorio con un uovo acquistato e pagare una surrogata in quel paese per gestare un cittadino americano per lui, pronto per il ritiro nove mesi dopo.

Anche se alcuni bambini nati da genitori cittadini americani all’estero attraverso l’ART mancano dei loro geni, probabilmente vivranno, lavoreranno e pagheranno le tasse nei nostri sistemi federali e locali per finanziare eventuali benefici futuri che otterranno. Al contrario, le centinaia di bambini nati negli Stati Uniti da genitori stranieri che li riportano nei loro paesi d’origine subito dopo la nascita non pagano nulla nei sistemi fiscali statunitensi.

Eppure possono presentarsi in qualsiasi momento e raccogliere i frutti della cittadinanza quando vogliono. Ciò include i benefici dell’immigrazione come la petizione per portare i loro genitori e fratelli stranieri una volta che il bambino ha più di 18 anni.

E cosa succede se i genitori stranieri cambiano idea e non vogliono che il bambino venga gestato negli Stati Uniti? Dipende dal diritto di famiglia di ogni stato e può diventare complicato. Gli scandali sulla maternità surrogata in Thailandia hanno portato quel paese a vietare la maternità surrogata per i genitori stranieri nel 2015.

L’allevamento vittoriano di bambini era un sordido affare nato dalla disperazione. Nel 21° secolo, è un esercizio redditizio e cinico. Sfrutta leggi obsolete e permissive sulla cittadinanza e sull’immigrazione ed è alimentato da una tecnologia nata in un vuoto morale.

“La Cina proibisce ogni tipo di maternità surrogata”, secondo il Comitato Centrale della Lega della Gioventù Comunista Cinese, e “le vite umane non sono giocattoli”. È un brutto segno quando lasciamo che la Cina comunista prenda il sopravvento morale.

Cina, India, Tailandia e altri paesi proibiscono almeno agli stranieri di assumere surrogate per avere i propri figli. Per proteggere le donne, i bambini e il valore della nostra cittadinanza (l’autore è americano ndr) è tempo che gli Stati Uniti seguano l’esempio.
From: Foreign Surrogacy: Should We Allow Outsourcing of Labor? | The Heritage Foundation

Heritage.org with agreement 11/7/2023
Se volete sostenere Heritage
Donate here

La via Crucis quotidiana tra malati e storpi. Corpi di Cristo nella clinica

Gesu’, nutri i tuoi amici (Giovanni Paolo II)