Droga in Italia: Minori e sostanze psicoattive (2024)

Nel corso dell’ultimo anno sono quasi 360mila gli studenti minorenni che hanno consumato almeno una sostanza illegale, pari al 23% dei minorenni scolarizzati, confermando il trend crescente osservato nel post-pandemia. Dato ratificato anche dalla percentuale di minorenni segnalati per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale (Art. 75 DPR n.309/1990) che si attesta nel 2023 intorno al 12% delle persone segnalate, tornando ai livelli pre-pandemici, raggiungendo il valore più alto mai registrato. La quasi totalità delle segnalazioni riferite a minori (97%) riguarda cannabis e derivati, a conferma dell’ampia diffusione dei cannabinoidi tra i più giovani.

Un altro indicatore che va nella medesima direzione è quello relativo al numero di minorenni denunciati all’Autorità Giudiziaria per reati penali droga-correlati che, rispetto al 2022, registra un +10%: 1.246 giovani under-18, pari al 4,5% delle persone denunciate a livello nazionale. Accanto
all’aumento dei consumi, dunque, si osserva anche l’aumento del coinvolgimento dei minorenni nell’ambito della produzione, del traffico e della detenzione illecita di sostanze stupefacenti.
Ma non è solo il consumo di sostanze psicoattive illegali a creare preoccupazione. Anche nel campo delle sostanze psicoattive legali i consumi giovanili risultano molti diffusi, in crescita in particolare tra le ragazze. Nel corso del 2023, l’uso di tabacco ha riguardato oltre 500mila studenti under18, equivalenti al 34% del totale, con percentuali superiori tra le studentesse. Anche gli eccessi alcolici registrano prevalenze superiori tra le ragazze. Quasi 380mila giovanissimi hanno avuto almeno un’intossicazione da alcol nel corso del 2023, pari al 25% della popolazione studentesca minorenne. Completano il quadro gli psicofarmaci senza prescrizione medica, che hanno raggiunto le prevalenze
più alte mai registrate e sono stati utilizzati da 170mila minorenni nel corso dell’anno (11%), con una diffusione più che doppia tra le ragazze.

Nell’utero in affitto non ci sono donatori

La macchina da guerra nazista – recensione di Bat Ye’Or