Joe e il suo bimbo rapito

Foto di repertorio di damilolas083 da Pixabay

“Mi rapirono il bimbo appena nato per obbligarmi a prostituirmi. Il bimbo non venne neanche registrato alla nascita. Volevano 45.000 euro.”

Si è liberata, adesso vive a Granada. Ha denunciato e tutti i suoi sfruttatori sono finiti in carcere. Grande Joe!
E’ per noi un ricordo indelebile anche se sono passati molti anni.

E’ una delle tante storie di vita, molto simili fra loro, di chi ha vissuto il dramma dello sfruttamento.
In Italia sono oltre 25.000 le nigeriane sfruttate e a fronte di migliaia di denunce sono ancora pochi gli sfruttatori finiti in carcere.

Aiutaci ad aiutare tante donne a liberarsi.

Puoi anche decidere di sostenere una campagna di prevenzione allo sfruttamento rivolto alle donne che sono ancora in Nigeria contattaci e ti daremo altri dettagli.

Corso gratuito per volontari contro lo sfruttamento della prostituzione

EllaOne: contraccezione o aborto?