17 punti contro il suicidio assistito

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

1. Il suicidio assistito è la negazione della professione medica. L’Associazione dei Medici Americani rifiuta il suicidio assistito: “Permettere ai medici di partecipare a un suicidio assistito potrebbe causare più male che bene. Il suicidio medicalmente assistito è fondamentalmente incompatibile con il ruolo del medico come guaritore, sarebbe difficile o impossibile da controllare e potrebbe comportare gravi rischi sociali”.

2. Il suicidio assistito è l’opposto delle cure a cui gli infermieri sono preposti. L’associazione dei 3,4 milioni di infermieri americani afferma: “L’infermiere non dovrebbe partecipare al suicidio assistito. Tale atto viola il Codice degli infermieri […] e le tradizioni etiche della professione.”

3. Legalizzando il suicidio assistito, i più deboli e vulnerabili sono messi a rischio. Le misure di salvaguardia per i malati si sono dimostrate insufficienti e spesso indebolite nel tempo. Le persone che dovrebbero essere aiutate dalla società sono invece considerate una merce e si arriva persino a concedere loro la morte.

4. Le leggi sul suicidio assistito normalizzano l’idea di uccidere. La possibilità di porre fine alla propria vita crea incentivi per scegliere la morte come opzione economica. Gli anziani e i malati possono essere visti come un peso e possono essere facilmente “eliminati”. Il suicidio diventa una scelta più semplice.

5. Dovremmo chiamarlo per quello che è: suicidio. Si utilizzano eufemismi come “aiuto a morire”, “opzioni di fine vita” e “morte dignitosa” per far passare questa pericolosa legge. In realtà, questi termini mascherano il fatto che i medici somministrano farmaci progettati per facilitare il suicidio. Questi farmaci letali vengono falsamente etichettati come “medicina”, mentre in realtà fanno l’esatto opposto.

6. Le leggi sul suicidio assistito discriminano le persone disabili. La maggior parte delle richieste di suicidio assistito non è dovuta al dolore, ma alla perdita delle capacità funzionali. Questa mentalità associata al suicidio assistito considera la disabilità come una “perdita di dignità”. Tuttavia, migliaia di disabili dipendono ogni giorno dall’aiuto di terzi senza che ciò leda la loro dignità.

7. Le leggi sul suicidio assistito portano inevitabilmente all’eutanasia. Dopo la legalizzazione del suicidio assistito, l’eutanasia diventa pratica comune. A differenza del suicidio assistito, l’eutanasia è amministrata da altre persone, con o senza il consenso del paziente. Nel tempo, i Paesi Bassi sono passati dal suicidio assistito all’eutanasia, compresi casi di eutanasia involontaria.

8. Le leggi sul suicidio assistito mettono a rischio le persone economicamente svantaggiate. Le persone povere sono particolarmente vulnerabili a questa pericolosa legge. Il suicidio può diventare una scelta economica per coloro che non possono permettersi costose cure mediche. Inoltre, alcune compagnie di assicurazione potrebbero favorire il suicidio assistito per risparmiare denaro.

9. Le persone affrontano pressioni a porre fine alla propria vita. Coloro che affrontano malattie terminali possono sentirsi spinti a scegliere il suicidio come soluzione più facile. L’idea di non diventare un “fardello” può essere una forte tentazione per abbreviare deliberatamente i propri giorni. Inoltre, queste leggi possono mettere a rischio anche i parenti e i familiari, spinti dall’interesse finanziario legato all’eredità.

10. Il suicidio assistito è contrario a diverse religioni e ai comandamenti di cristiani, ebrei e musulmani. La pratica del suicidio va contro il quinto comandamento: “Non uccidere”. Lo Stato non dovrebbe approvare leggi che contrastino con la morale comune, e le persone di buona volontà devono difendere la moralità e la retta ragione respingendo con fermezza il suicidio assistito.

11. Difficoltà di valutare la volontà reale: La valutazione della reale volontà di una persona di porre fine alla propria vita è complessa e soggettiva. Ciò potrebbe portare a decisioni avventate o errate riguardo al suicidio assistito, con conseguenze irreversibili.

12. Effetti psicologici sul personale medico: Coinvolgere i medici nel suicidio assistito ha gravi ripercussioni sul loro benessere psicologico. Richiedere loro di somministrare farmaci letali causa stress e traumi emotivi.

13. Incentivi finanziari: L’introduzione del suicidio assistito comporta spesso incentivi finanziari scorretti, in cui il costo della cura di un paziente diventa un fattore determinante nella decisione di optare per il suicidio assistito.

14. Effetto contagio: La legalizzazione del suicidio assistito influenza il comportamento delle persone vulnerabili, spingendole a considerare il suicidio come un’opzione legittima, soprattutto in situazioni di sofferenza o disperazione.

15. Patologie psichiatriche: Consentire il suicidio assistito a persone con gravi disturbi psichiatrici solleva interrogativi sulla capacità di prendere decisioni razionali e consapevoli riguardo alla fine della vita.

16. Effetti sulla fiducia nei medici: La partecipazione dei medici al suicidio assistito mina la fiducia dei pazienti nella professione medica, poiché il ruolo di guaritori e preservatori della vita verrebbe compromesso.

17. Effetto sul trattamento palliativo: L’attenzione e le risorse vengono deviate dal miglioramento del trattamento palliativo e dell’assistenza end-of-life, compromettendo il benessere complessivo dei pazienti.

Caratteristiche sociodemografiche nella comunità Nigeriana in Italia (2022)

Quei tre nodi critici del disegno di legge Zan