Vorrei essere un pastore nel Presepe

Foto di Alexa da Pixabay

Il presepe ci ricorda una cosa essenziale. Ognuno di noi, tutto il mondo, ricchi e poveri, abbiamo bisogno di un Salvatore.
Basta guardare il mondo intorno a noi.
E’ vero che Gesù vorrebbe un mondo senza la povertà, senza le ingiustizie. Ma anche risolvessimo questi problemi il cuore umano inventerebbe altri modi per soffrire e fare soffrire.
Abbiamo un bisogno estremo di un Salvatore.
Abbiamo bisogno che Dio ci cambi il cuore per essere capaci di amare ogni giorno e di perseverare nel bene, di trovare una forza che umanamente non abbiamo.
Noi siamo poveri pastori che a Gesù offrono una pecorella puzzolente (diciamo la verità le pecore son belle ma che odore…).

P.B.

Il costo standard come soluzione al distanziamento sociale

Che grazia per un sacerdote essere innamorato di una donna