La befana e i re magi, l’Epifania da riscoprire…

“La vecchia scontrosa che non aprì ai Re Magi e che per riparare portò doni a tutti i bimbi del mondo…”

Leggi questa nostra richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

La tradizione della Befana, è abbastanza circoscritta all’Italia e alla Svizzera, ha comunque origini abbastanza antiche.
“Epifania del Signore” significa la manifestazione di Gesù a tutti i popoli, rappresentati dai re Magi provenienti da luoghi diversi del  mondo. Epifania in generale è quando il divino si mostra, si fa vedere, (come in Gesù, vero Dio e vero uomo).
E’ interessante riscoprire che uno dei racconti più antichi sulla Befana la lega profondamente anche ai Re Magi.
La storia parte nella zona di Betlemme, quando  i Re Magi in viaggio trovarono una vecchia a cui chiesero informazioni, la invitarono a seguirli per portare dei doni a Gesù Bambino, ma lei rifiutò.
Quando essi partirono si pentì di non aver dato loro almeno un regalo per Gesù e cominciò a girare nelle case dove c’erano bambini, lasciando dei dolci, sperando di trovare Gesù Bambino. La leggenda narra che da allora tra il 5 e il 6 gennaio la Befana continua a portare dolci ai bimbi buoni.

Questa tradizione quindi è davvero cristiana e come tale va fatta conoscere e raccontata ai bambini.
Come tutte le usanze, i simboli, i segni, possiamo riscoprire le nostre radici di fede e usare anche gli eventi più semplici per gustare con pienezza le feste cristiane, perchè il Dio della gioia, della vita, è venuto a farci conoscere la sua pace, a manifestarsi a noi, a dare luce ad un mondo che spesso vive nelle tenebre. Buona Epifania!

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito

   

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Preghiere di Sant’Antonio da Padova allo Spirito Santo

Lazzaro, il povero